Cerca nel sito

poliedro home2

 "In effetti bisogna ricercare il Bene non per via conoscitiva né in modo incompleto ma, abbandonandotisi alla luce divina e con gli occhi chiusi: in questo modo bisogna stabilirsi nell'inconoscibile e celata Enade degli enti".

Proclo, Teologia Platonica Lib. I.

Login (per commenti o acquisti)

Registrazione Newsletter

Come al solito ci piace segnalare le iniziative editoriali non “di massa”, quelle di confine, di nicchia, riservate a chi ha voglia di leggere senza prevenzioni. Metapolitica è una rivista con una chiara impostazione cattolica ma… scomodamente cattolica. Scomoda perché, indipendentemente dalla condivisibilità dei temi affrontati,  ha una chiave di lettura del mondo di tipo cavalleresco: e ovviamente ci piace per questo.

Il nuovo numero della rivista di Silvano Panunzio (il XXXI, per esattezza) vede numerosi articoli interessanti, a partire da quello di Panunzio stesso,  dal titolo “Dai miliardi di anni dei cicli cosmici all’eterno presente”. Tale articolo presenta in una maniera assai semplice ed efficace un parallelo fra le teogonie orientali e occidentali, confrontando la durata dei cicli cosmici e inserendo il pensiero di Origene quale mediatore fra la dottrina orientale dei Kalpa e quelle del tempo”eterno” del cristianesimo spesso, a torto, definito lineare. Panunzio evoca giustamente la “timidezza” di molti moderni teologi nei confronti del “tempo ciclico” e mostra come la figura del Cristo, al centro della concezione del tempo circolare, ne “fissi” l’eternità senza entrare in contraddizione con la sua funzione storica.

Un interessantissimo intervento di Aldo La Fata ripropone una serie di letture dove il testo di Panunzio “La Roma Eterna e la Nuova Gerusalemme” viene confrontato con altre letture in nelle quali il mito appare quale invenzione, quale favola improbabile.

Tra i tanti testi proposti, La Fata richiama quelli dell’onnipresente Corrado Augias e mette in evidenza (era ora!) l’assoluta “pochezza” e faziosità, mascherata da obiettività “scientifica”, con cui tale personaggio, affiancato da moltissimi altri della nostrana “intellighenzia” intruppati nel carrozzone anticattolico, si scatena contro la “plausibilità” del mito cristiano.

Segnaliamo inoltre un articolo del sottoscritto sulle “Laudi Mariane” e una efficace analisi degli Stromata di Clemente d’Alessandria da parte di Francesco Celia

Nella sezione “Echi e Commenti” vengono poi riportate alcune importanti informazioni riguardo le origini stesse del gruppo “ATMA”; una interessante analisi sullo stato dei tempi (Guerra Urbana e Guerra Occulta), e sulla perenne conflittualità, orchestrata sottilmente da poteri ben più efficaci di quelli umani.

Da leggere.

C.L.

Fai il LOGIN o REGISTRATI per inserire commenti