Oltre la filosofia di Giangiorgio Pasqualotto (Angelo Colla Editore, 2008)

 Più che un libro è una cortese esortazione. Meglio ancora è una raccomandazione ed un invito alla verifica personale rivolte al lettore. “Oltre la filosofia” riflette per l’appunto la convinzione personale dello studioso padovano che la conoscenza non sia aridità e stucchevole formalismo. Ogni percorso sapienziale è dunque tale nel preciso momento in cui esso viene applicato nel quotidiano ed a questo invita Pasqualotto senza sicumera ed apoditticità. Egli invece si limita molto semplicemente a riportare il suo percorso, “nascondendolo” sotto il concatenamento dei capitoli del testo senza per questo voler apparire un Maestro. Nel primo di essi, “Saggezze d’Oriente e d’Occidente come forme di vita” che è tra l’altro l’unico contributo inedito del volume, l’autore delinea e motiva il frutto di una esperienza più che decennale: la conoscenza applicata che diventa forma di vita.

 La distanza simmetrica da impostazioni eurocentriche, siano esse “troppo aperte” o “troppo chiuse”, indica una terza posizione, che a noi piace definire “possibilismo” e che designa un atteggiamento di ricerca perenne di corrispondenze trans-tradizionali nella convinzione aprioristica che nessuna di queste può esprimere da sola l’intera Verità (la maiuscola è nostra).

 I capitoli seguenti testimoniano così la penetrazione dello studioso nei “mondi” taoista, buddista ed indù filtrata sempre da una costante comparazione con il natio “mondo” occidentale a corroborare appunto la presenza di parti della Verità in ciascuno di essi, ma mai in maniera esclusiva e definitiva.

 Nella critica, sempre motivata e mai preconcetta, ai vari centrismi occidentali Pasqualotto si sofferma anche sulla philosophia perennis, riconoscendole certamente dei meriti innegabili, ma pur sempre evidenziando la sua tensione verso un’Unica Verità.

 Su questo passaggio, però, accusiamo qualche dubbio ed in ciò siamo condotti da una sottigliezza semantica che ci appare forse facilmente ricomponibile.

 Rigettare l’assunto attinente ad un’Unica Verità (il presupposto “perennialista”) e poi ritenere che nessuna delle varie forme di pensiero possa esprimere “l’intera verità” (la conclusione della “terza via”), ci sembra asseverare la medesima cosa solo procedendo con una metodologia differente. La prima appunto si manifesta come un giudizio catafatico, mentre l’altra si configura come apofasi.

 L’unicità, poi, possiamo ben dirla interezza, giacché l’Uno plotiniano è quell’Intero prima di moltiplicarsi.

 Se fossimo confermati in questa analisi, allora la distanza della “terza via” delineata da Pasqualotto dalla philosophia perennis sarebbe in funzione di quel pericolo chiamato dogmatismo, che ha oggettivamente infirmato anche il cosiddetto “perennialismo”, declinandolo in scolastica noiosa ed asfittica. Ma il rischio del dogmatismo è come dire il rischio del razionalismo in sé: il dispotismo della volontà della mente di non avere limiti e con esso autorità al di sopra di essa.

 Difficile è dire se questa tara sia esclusivamente occidentale, in forza a dei rigidi preconcetti che fanno dell’Occidente greco-romano la culla della razionalità. Difficile e forse inutile proprio perché questo pericolo, al pari della Verità, risiede nei vari darshanas del mondo in modo diverso e soprattutto non teme l’esclusività.

 La facilità espositiva dell’autore immette nel libro una certezza in re, che sostiene il lettore anche nel momento più difficile, quello in cui potrebbe anche capire di aver dissipato del tempo seguendo millantati upaguru od irenistiche palingenesi religiose.

 La serietà e l’onesta intellettuale infine portano Pasqualotto a riconoscere anche nello spirito dell’Estremo Oriente i segni del decadimento e a non divinizzarlo.

 “Il sorriso degli specchi è gia finito” ed un difficile compito si prefigura quindi all’“incursore spirituale”: riuscire a trovare un Maestro, riuscire a fronteggiare l’ebbrezza di una conoscenza in acquisizione (mantenendo l’umiltà), riuscire a far seguire alle “teorie” delle azioni conformi, ma soprattutto riuscire a vivere la conoscenza.

 Grazie.

 adl

 

Fai il LOGIN o REGISTRATI per inserire commenti