Cerca nel sito

poliedro home2

 "In effetti bisogna ricercare il Bene non per via conoscitiva né in modo incompleto ma, abbandonandotisi alla luce divina e con gli occhi chiusi: in questo modo bisogna stabilirsi nell'inconoscibile e celata Enade degli enti".

Proclo, Teologia Platonica Lib. I.

Login (per commenti o acquisti)

Registrazione Newsletter

Ricevo dall’amico Antonio Bonifacio questo articolo assai polemico (vivaddio) ma nello stesso tempo assai azzeccato, che non posso far altro che condividere.

Per cui, invece di inserirlo fra i commenti al mio articolo preferisco dargli uno spazio suo; ne vale la pena.

Il mio Editoriale "Navigare a Natale” a cui Antonio fa riferimento è effettivamente una contemplazione sconsolata di un “disastro annunciato”. Voleva infatti essere una scomada commemorazione “Natalizia”. Per cui Bonifacio giustamente dice: “ma di che ti stupisci; perché non guardi anche alle origini della consolidata follia occidentale e alla sua attitudine… al genocidio”?

Caro Antonio, hai ragione. Il Kali Yuga non è nato ieri… e manco due secoli fa, ma forse qualche millennio or sono: per cui ferme restando le diatribe e le lamentele del mio articolo citato, che confermo dalla prima parola all’ultima, accetto alla grande le tue integrazioni. Non so confermare se il buon selvaggio sia sempre stato così buono e così profondo, come dice Griaule, ma so sicuramente che era meno ipocrita del grande uomo bianco occidentale che ha voluto metodicamente “civilizzarlo”. Ahimé, questo è verissimo. C.L.

 

LE LINGUE TAGLIATE

Caro Claudio ti confesso che sono rimasto un poco basito dal tuo articolo natalizio e dai conseguenti commenti dei tuoi interlocutori.

Mi vien da domandare: ma ci crediamo di vivere nell’età oscura, quella delineata da San Paolo come l’epoca della grande apostasia, oppure no?

I Cristiani aspettano che Cristo riappaia tra le nuvole del Cielo, che la Donna dell’Apocalisse partorisca questo misterioso figlio della sapienza, i Sunniti aspettano identicamente il ritorno del Cristo accompagnato dal Madhi, gli sci’iti la riapparizione del dodicesimo Imam, gli zoroastriani Gayomart, i Buddisti Matreya, gli induisti l’ultimo Avatar…inutile andare avanti è nell’ordine di esaurimento del ciclo che le possibilità si consumino fino alla loro completa estinzione e qualcuno ripristini le condizioni originarie.

Tutto questo perché i tempi ultimi, più dì ogni altra epoca, saranno dominati dal disordine e dall’ingiustizia, oltre ché dall’empietà, e il ritorno “avatarico” dei precedenti “legislatori”, ristabilirà le condizioni auree dell’origine (fatte salve le diverse linee tradizionali su cui non sto qui a disquisire)

Del resto il naviglio di cui tu parli mi sembra che coincida con quell’arca di cui Guénon ha parlato nel suo articolo dedicato ai misteri della lettera Nun.

Quindi non comprendo che senso abbia parlare di battaglie perse. Chi si fronteggiava?

Forse si allude al trionfo dell’anticristo, ma costui non è esclusivamente un contro cristo, una sua contraffazione parodistica, egli è in primo luogo un ante Cristo e se la sua venuta, la sua affermazione e il suo trionfo dimostrano l’agonia della Tradizione al contempo ne preannuncino il ritorno, almeno secondo la dottrina dei cicli cosmici.

Se qualcuno cinquant’anni fa ha affermato che questo è “il tempo di cavalcare la tigre” perché “chi cavalca la tigre non può scendere” sarà stato evidente che è ormai inutile cercare appoggi all’esterno, in qualche istituzione per l’aureo motivo che in unepoca di crolli chi meno sappoggia meno cade.

Ora però vorrei aggiungere una precisazione. Dopo che ci siamo fatti questo piagnisteo tutto occidentale sul come e perché siamo caduti così in basso, sulla quasi impossibilità di trovare maestri che siano nocchieri capaci di condurci fuori dalle tempeste del mondo, che ci siamo edotti sul kali yuga, l’età del ferro e l’età oscura, sulla corsa sfrenata di Fenrir che, sciolto dai suoi legami, si divora voracemente la creazione e quindi fattici carico di tutte le apocalissi possibili e immaginabili (intese in senso popolare come disastri e non come rivelazioni) un’occhiatina meno etnocentrica al mondo che ci circonda la vogliamo dare?

Vogliamo assumerci la forte e chiara responsabilità che “nel fardello dell’uomo bianco” che abbiamo assunto (?) nei confronti dei popoli “senza” scrittura o altrimenti “in via di sviluppo” (leggasi predazione incontrollata), nonché animisti (senza concetto monoteistico di Dio) c’è forse anche la consegna non della civiltà (?) ma della mela avvelenata che li ha velocemente intossicati fin quasi portando taluno di essi all’estinzione (la popolazione autoctona di Cuba praticamente suicidatasi in massa).

Vogliamo anche ipotizzare che in questa mela avvelenata ci sia anche quell’ingrediente che qui tanto si compiange d’aver perduto e cioè la “vera” “religione” di cui tanto accusiamo i nostri tempi di essere priva.

Perché una cosa è evidente; noi possiamo disquisire quanto ci piace sull’età ultima, e leccarci le ferite della nostra infelice condizione, ma l’età ultima a questi popoli “senza”, l’abbiamo portata noi, non se la sono procurata da soli, non è nata all’interno delle loro culture.

Per quello che ci suggerisce la lettura di alcuni classici come Schuon per gli Indiani dell’’America settentrionale, Reichel Dolmatoff per il “cosmo amazzonico”, Bruce Catwin per gli aborigeni australiani abbracciando così due continenti e “mezzo”. Questi popoli vivevano la dimensione spirituale delle loro esistenze in maniera diffusa e ripartita fra tutti i membri della comunità. Ciò avveniva non in base a un sistema di “credenze”, misteriosamente “esoteriche” appannaggio di pochi tipo pissi pissi, ma, diffusamente (sia pur per gradi) e quindi per una condivisa capacità antropologica di accedere a esperienze spirituali.

Ci sono voluti questi occasionali etnografi (e molti altri naturalmente) se abbiamo nozione, sia pur riversata, di queste incursioni spirituali e dei sistemi teorici che le sorreggono, se si è creata l’opportunità affinché quelle lingue tagliate da tanto tempo dalla boria etnocentrista abbiano potuto riprendere fievolmente a parlare.

Il problema della fede e i suoi tormenti non li hanno mai sfiorati. L’”africano”, se si legge Griaule, parlava correntemente con i suoi morti, che erano i suoi antenati e pensando di essere lui il morto da vivo solo apparente, indirizzava tutta la sua esistenza nel tentare di raggiungere questo status di antenato che gli consentiva di essere vivo da “morto”, una volta rinsecchito nella tomba.

Non era “fede” nella resurrezione dei morti, era prassi quotidiana.

Poi se andiamo a scrutare i sistemi “teologici” che c’erano dietro non è che la dottrina retrostante fosse da poco. Come detto in altra occasione Griaule scrisse solo il primo fascicolo, della prima parte, del primo tomo, del primo volume di quella che doveva essere la summa del pensiero dogon: 600 pagine fitte che ne sono solo l’assaggio.

Sfido i teologi occidentali alla lettura di questo poco che abbiamo.

In più modeste dimensioni letterarie anche F. Schuon ha trovato, tra gli Indiano del nord ovest americano, identica complessità teologica, tanto che in qualche punto del suo libro egli sembra addirittura suggerire quasi un paradosso, ovverosia che il vero cristianesimo sia quello indiano, proprio per la pregnanza che il simbolismo della croce assume presso queste tribù con cui era entrato in relazione profonda e simpatetica. Mi taccio sulle vie dei canti australiani e sulle nefandezze etniche compiute nei loro confronto fin in tempi recentissimi.

Ora la riprova che questo “modo di vita” fosse giusto lo ricaviamo dal fatto che, prima di esser infestati dal mondo occidentale, questi popoli, oltre a dichiararsi “felici” (la città di Dio non sta solo in cielo evidentemente) erano in grande salute e qualora si fossero di colpo estinti per un accidente del destino, forse non avremmo neanche saputo della loro esistenza perché non avevano spostato un sasso dall’ambiente in cui vivevano, forse perché ogni sasso, ogni essere, alla fine, è teofania di Dio (è un residuo metafisico secondo la bella definizione di D’Anna) e non può essere usato/ spostato / eliminato senza il suo permesso.

Purtroppo, e per farla breve, noi abbiamo avuto la disgrazia delle scienze sociali (tutte fallimentari) e dell’evoluzionismo (idem) che avrebbero avuto la pretesa di spiegarci, in termini puramente umani, come funzionavano le società altrui e come avremo reso prossime alla perfezione le nostre.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti

Proprio il “grande” scienziato cui dobbiamo la conoscenza della nostra origine ebbe a pronunciarsi così circa il destino che sarebbe dovuto toccare ai popoli “senza” sancendo di fatto la loro irrimediabile fine (magari anche solo culturale):

In un futuro non molto distante, con il metro dei secoli, le razze umane civilizzate quasi certamente stermineranno e rimpiazzeranno le razze selvagge della terraLa distanza tra luomo e i suoi simili più vicini sarà allora più grande, perché sarà quella tra luomo civilizzato e qualche scimmia come per esempio il babbuino anziché come è ora tra il negro o laustraliano ed il Gorilla”.

Così il manifesto ideologico di Darwin che ha fatto da efficacissimo passpartout al colonialismo, vorrei da ciò evidenziare due parole chiave stermineranno e rimpiazzeranno.

Tuttavia, e qui concludo questa nota senza pretese, quando leggiamo: ”Giosué conquistò dunque tutta la regione, la montagna, il mezzogiorno, la pianura e le pendici con i loro re; condanno allinterdetto ogni vivente, senza lasciare alcun superstite, secondo il comando del Signore” (Gios.10 28-43) non è spontaneo domandarsi: ma Darwin a chi s’è ispirato? Non è da ritenere che questo atteggiamento sia la laica conversione di un pensiero “importato” nella cultura europea?

Direi che varrebbe la pena di meditarci un poco sopra.

PS

So che il Vecchio testamento è passibile in tutto o in parte di una lettura spirituale (ad es. Gioacchino da Fiore, Swedemborg) tuttavia l’itinerario della pulizia etnica di Giosuè nella terra promessa gode di numerosi riscontri archeologici e non è affatto “mitico”, semmai è mito-storia. In parallelo si può riscontrare che l’atteggiamento dei pii coloni che sbarcarono in America, nella nuova terra stillante e miele, prese a paradigma proprio l’Esodo e i libri successivi per legittimare l’azione dei “coloni” verso gli autoctoni, Darwin era di la da venire.

Fai il LOGIN o REGISTRATI per inserire commenti