Cerca nel sito

poliedro home2

 "In effetti bisogna ricercare il Bene non per via conoscitiva né in modo incompleto ma, abbandonandotisi alla luce divina e con gli occhi chiusi: in questo modo bisogna stabilirsi nell'inconoscibile e celata Enade degli enti".

Proclo, Teologia Platonica Lib. I.

Login (per commenti o acquisti)

Registrazione Newsletter

di C. Lanzi

Ciò che turba i potentissimi sogni erotici della Hack, che sodomizza i pensieri matematici di Odifreddi, che offende la sublime laicità di Piero Angela e l'aplomb anglo-pacifista di Augias, è il fatto che la Bellezza, la Simmetria, diciamo pure l'Eleganza, e perfino l'Estetica possano derivare da un "piano celeste", da un piano divino inconoscibile e trascendente nella sua incommensurabile vastità potenza e provvidenzialità. Un piano con il quale tutti gli abitanti dell'universo devono in un modo o nell'altro confrontarsi. Un piano al quale ogni atomo è chiamato a contribuire e dove Dio (o gli Dei) intervengono a plasmare ed indicare il cammino dell'umanità. Un piano che nelle cosmogonie orfico pitagoriche vedeva Fanes ed Eros esplodere nella Volontà che caratterizza La Coscienza Cosmica e che presiede con le Grazie, le Parche e le Erinni lo svolgersi del Fato, giustificando il "divenire". Tale Fato, tale coscienza, non era indagabile con gli acceleratori del CERN, non era un bosone, ma si raggiungeva (haaaak che orrore!!) con gli oracoli e i riti, a partire da quelli di Delfi. E abbiamo però l'impressione che a tali enormi acceleratori (dal costo impensabile), a tali grandi e laicissime caverne artificiali (e non naturali come quelle assolutamente non costose del mondo classico) si attribuisca lo stesso potere profetico delle Sibille....

Nel Cristianesimo, il Figlio di questa Inconoscibile Potenza trascendente, assume forma umana. E' il passaggio fra due stati: da quello delle cause e della Volontà insondabile a quello del manifesto. Un passaggio dall'atemporalità e incommensurabilità dell'Eterno, al tempo e allo spazio commensurabili. E tutto questo (nel messaggio Cristiano sia essoterico che esoterico) avviene esclusivamente grazie ad un mediatore sublime, talmente dirompente e talmente difficile da comprendere, che oggi viene edulcorato attraverso i rivoli del buonismo sia laico che religoso: l'Amore.
Amore, il vero mattone dell'Universo, il più...bosone fra i bosoni, il meno laico fra gli attrattori: il responsabile d'ogni frattura e d'ogni conversione. 
Tale mistero è ovviamente insondabile da qualsiasi strumento, a partire dal manovratore di tutti gli strumenti e cioè dalla "ragione". E perciò aborrito dai personaggi di cui sopra. Ma è raggiungibile dal metafisico, dal mistico e dall'ermetista con ben altri mezzi, di cui abbiamo parlato in altri articoli presenti in questo sito. Ne deriva che le "scoperte" (o meglio le ipotesi di fisica teorica) delle stringhe ieri, dei quark l'altro ieri, e del bosone oggi, cercano disperatamente di laicizzare l'universo perfezionando l'atto separativo dall'origine; La traccia di qualche particella decaduta all'interno di un costosissimo acceleratore, galvanizza la capacità tecnocratica del ricercatore, che si sente, novello Prometeo, un po' come quegli scienziati illuministi che sezionavano i cadaveri per cercare l'anima. Non trovandola autogiustificavano la vita attraverso il vivere e traducevano il vivere e il pensare con l'esistere. Cioè sostituivano il "come si vive" al "perché si vive" e con ciò soddisfacevano l'ansia del dimostrare. In fondo, il "cogito ergo sum" deriva proprio da li. Che bello, diciamo oggi! forse abbiamo trovato l'elemento che determina la "massa", che perciò giustifica (in parte)... l'attrazione fatale e che, di conseguenza, "rinforza" la probabilità di una "supersimmetria" che caratterizzi l'universo. 
 
Il fatto che esista un elemento che viene prima della simmetria ordinaria e che però "ordini" e consenta lo sviluppo organizzato della materia (invece che lo sviluppo caotico in un perenne "brodo primordiale") è laicamente assai appetibile: ma anche temibile. E adesso, supponendo che il signor Bosone sia realmente lui il papà della "massa", supponendo che non sia ulteriormente caratterizzato da fratelli e cugini con cui si deve mettere d'accordo per organizzare sia le galassie come le cellule del corpo umano, resta un gran problema: Ma chi ce l'ha messo 'sto bosone a fare, piccolino come "sembra essere", tutto questo incredibile lavoro?
E perché gli scienziati amano improvvisamente la Simmetria e si sono accorti che ha a che fare con la Bellezza, riscoprendo i tutt'altro che laici filosofi medievali e rinascimentali? Il "bosone" è li per caso?...mmmmhh perfino la fisica probabilistica non ce la fa a dire ciò. E allora siamo esattamente al punto di partenza. 
Quel famoso punto in cui anche gli scienziati di fede moderna si trovano di nuovo ad occuparsi del "come"... e si allontanano, terrorizzati, sempre più dal "perché" e dal "per chi". E' la stessa cosa che accade quando curiamo una malattia e fuggiamo dalla domanda "ma perché mi è venuta?" e il massimo che riusciamo a dire è: "perché c'è un'epidemia e ci sono i... virus". O anche quando aiutiamo un bambino a nascere e facciamo del tutto per farlo nascere "bene". Sappiamo quando è stato procreato, sappiamo tutto sugli spermatozoi, sugli ovuli e sugli orgasmi che hanno prodotto la fecondazione, conosciamo il DNA dei genitori, sappiamo come uccidere il nascituro con un aborto e anche come salvarlo in caso di difficoltà. Ma non sappiamo per chi e perchè sta nascendo, proprio lui, proprio li, proprio in quel momento. Un bel problema: sempre lo stesso e assolutamente irresolubile con qualsiasi bosone.

Nota: Nella figura compare la sapientissima ricercatrice Miciola, intenta a sniffare tra un coacervo di fiori delicati e simmetrici. 

Lei ha sempre e soltanto inseguito topi, ma è da tempo alla ricerca di una colonia d'isotopi, di cui ha tanto sentito parlare ma non sa bene come siano fatti. Non le interessa molto quanto sia simmetrico l'isotopo ma più che altro vorrebbe sapere se è commestibile. 
In realtà, se guardiamo bene il gatto, ne scopriamo la perfetta simmetricità. Non c'è parte del suo corpo che non rispetti l'eleganza, l'equilibrio, la simmetria e l'armonia e anche se non le avesse potrebbe riuscire ugualmente ad acchiappare i topi. 
Tutte queste meraviglie, finalizzate ad un ordine e ad un'estetica (e non solo ad un "buon funzionamento") non sono nate per caso. Questo non perché lo dice Fantappié, ma perché un'anima che si commuove e si stupisce non cerca solo bosoni ma canta il suo stupore immergendosi nella Bellezza totalizzante che vede in ogni particolare della manifestazione. 
Anche i fiori della foto, non c'è apparente ragione perché debbano svilupparsi secondo un sistema esagonale, e non c'è neanche ragione perché gli esagoni debbano essere regolari. 
Pressata da tali dubbi la ricercatrice Miciola, di cui tutti decantano la Bellezza e l'armonia, è andata tempo fa a parlare con la Margherita Hack, per capire se era necessario avere una distribuzione così elegante delle orecchie, del naso, perfino del pelo (in realtà io credo che stesse cercando notizie più precise sulle colonie di isotopi). Purtroppo la suddetta astronoma le ha spiegato che la bellezza era un concetto sottoposto alla relatività ristretta (ma molto ristretta dal suo punto di vista) e che la massima esperienza di ciò che gli sciocchi credenti chiamano Dio o Bellezza, si trova nel bosone. 
E così Miciola ha deciso: prima o poi, anche sto' bosone, per quanto veloce, per quanto tenti di nascondersi, io lo acchiapperò.

Commenti  

# Antal Nagy 2012-07-08 20:55
Propongo come inno:

Per fare un tavolo

ci vuole il legno
per fare il legno

ci vuole l'albero
per fare l'albero

ci vuole il seme
per fare il seme

ci vuole il frutto
per fare il frutto

ci vuole il fiore
ci vuole il fiore,

ci vuole il fiore,
per fare il Boso-one

ci vuole un fio-ooooooooooo-reee eeeee.
# Claudio Lanzi 2012-07-09 20:54
Sia il sottoscritto che Miciola, ringraziano sentitamente per l'incredibile serie di apprezzamenti positivi ricevuti via mail. Si vede che i lettori di Simmetria hanno... qualche conto in sospeso con il bosone.
Se a questo punto volete contribuire con approfondimenti o commenti, l'articolo è aperto alle vostre considerazioni.
C.L.
# Pier Giorgio Lepori 2012-07-09 22:40
Un grazie alle fattezze ed armonie simmetriche di movimento e bellezza sottese a Miciola! Ci vorrebbero 'vagonate' di bosoni per poterle generare così... Ma iniziano le prime 'crepe' nel sistema: la D.ssa F. Giannotta si è sbrigata a dire che 'non è il caso dei neutrini' ma poi aggiunge: '...dobbiamo solo capire se è il bosone standard o se la faccenda è più complicata'. Ma, una domanda, lecita: dati 'sti personaggi dobbiamo ipotizzare 'bosoni a buon mercato' rispetto ai bosoni dedicati a noi Gnostici? ^___^
# Claudio Lanzi 2012-07-10 09:13
Miciola ringrazia commossa.
Ma ribadisce di non sentirsi "gnostica" oppure "guenoniana" o "tardo-evoliana" o "esoterica" o "paramassonica" o "sincretica" o "laica" ecc. ecc. . Lei crede (ed io la seguo) che è proprio dalla distinzione in classi, in categorie, in appartenenze "laiche" "religiose" esoteriche ed exoteriche che derivi quella prevenzione gli uni nei confronti degli altri.
Alcune menti (e quelle dei personaggi citati nell'editoriale si distinguono efficacemente per tale capacità) si chiudono ermeticamente di fronte al non dimostrabile e considerano "scientifico" soltanto il fenomeno teoricamente ripetibile.
Mi vengono in menti i nostri tecnici economisti e bancari, che hanno elaborato teorie scientifiche "dimostrabili" per abbassare il divario fra titoli tedeschi e titoli italiani (boh? forse i primi sono più esoterici dei nostri). Ma.... il divario aumenta nonostante le teorie economiche dicono che dovrebbe diminuire.
Ma confidiamo in Miciola: una volta che abbia acchiappato il bosone la scateniamo ad inseguire lo spread.
C.L.
# Claudio Lanzi 2012-07-10 09:27
Riceviamo e pubblichiamo: quasi quasi abbiamo trovato il modo per finanziare una piccola associazione come la nostra!

Consiglierei di chiedere opportuni finanziamenti al CNR per aiutare la ricerca di Simmetria sul Bosone.
N.
# Claudio Lanzi 2012-07-10 11:00
Questa arriva da Dalmazio Frau, che scrive sotto dettatura del suo nobilissimo gatto: Come trascurare questo sfogo "da fratello a fratello" tanto per parafrasare i Cavalieri delle Tavola Rotonda?

Scrivo quanto segue sotto precisa dettatura:

Alla Nobilissima Dama Miciola,
salute!
Sebbene io sia un gatto d'arme, mi pregio essere ancorché filosofo naturale et perciò ho avuto modo et maniera, nei giorni addietro, di imbattermi in quello che ritengo gli stolti aver denominato "bosone".
Ahiloro essi, imbrutaliti dalla loro essenza men che umana, non hanno certamente compreso trattarsi invece di più modesto "cosone". Particella del tutto inutile se non come pietra di paragone per dimensione dell'intelletto dell'Odifreddi prima e dell'Hack poscia.
Il "cosone" da me presto atterrato si è rivelato scarsamente commestibile, inadatto all'alto volo e pertanto repente abbandonato sulla soglia della finestra, lasciato dunque alla sua sorte.
Ancorché il mio corrispondente, Lord Wallace di Casa Morganti, sostiene invece trattarsi non già di "Cosone" nè di "Bosone", ma di un ben più losco "bUsone"...
Non vi crucciate pertanto, nobile Miciola, lasciamo i Cosoni, Bosoni o Busoni che essi siano agli stolti, ignavi et arroganti per dedicarci meglio all'inclita attività nostra prediletta.
Il riposo. Ché mai non fu abbastanza.
Devotamente Vostro
Conner Carthusian della Casa del Certosino, Colonnello del XII Ussari Imperiali
# Amministratore Commenti 2012-07-10 14:52
Riceviamo anche e pubblichiamo con grande piacere:

Grande Claudio,
un bellissimo articolo!
Se non ci sentiamo buon lavoro e poi buone vacanze!
Ciao,
Massimo

Gran bell'editoriale, Claudio! Colpi ben assestati (ridendo)! A presto, ant

Ritengo Miciola essere di intelligenza superiore (come tutti i gatti) ed in particolare superiore alla Hack: per cui secondo me Miciola non sta cercando gli isotopi ma gli iso-topi, i topi tra loro identici per qualità gastronomiche e gusto.
Paolo G

Viva Miciola!
Ciao,
Stefano

Grande Claudio!!!!!!! Anche Mario è d'accordo con te!!! Un abbraccio. Roberta

Dovremmo imparare dal gioco dei perchè dei bambini; non c'è speranza, ad
ogni soluzione c'è sempre una nuova domanda, fino a quando non
accettiamo che "è così e basta", perchè qualcos'altro, al di fuori della
logica e della conoscenza scientifica umana, comanda.
Ma vaglielo a far capire, come minimo si inventano la probabilità
statistica e credono di averti fregato...
Vittorio
# Amministratore Commenti 2012-07-10 14:55
Vista la grande quantità di apprezzamenti, di cui abbiamo pubblicato solo una piccola parte pervenuta via e mail, ci sembra lecito proporre:

MICIOLA FOR PRESIDENT

Fai il LOGIN o REGISTRATI per inserire commenti