Sulla polemica per la proposta di rimozione e vendita dei sanpietrini romani - di Ettore Maria Mazzola

Un paio di anni fa, era il 19 dicembre 2012, a Villa Altieri di Roma si inaugurava una mostra della pittrice Solveig Cogliani intitolata “Sanpietrini e tetti”, il cui scopo era quello di testimoniare il fatto che, al pari dei tetti, anche i “serci” sono parte della tradizione, della storia e della cultura di Roma!

 

Due pitture “romane” di Solveig Cogliani

 
 

È probabile che, data la qualità delle “pitture” dell’artista, la cosa possa esser stata fraintesa alla grande da parte dell’attuale amministrazione del Comune di Roma. È infatti probabile che, piuttosto che far riflettere sulla necessità di proteggere e valorizzare uno degli elementi più caratteristici della tradizione romana, le “croste” dell’artista siano state viste come un’esigenza di asfaltare, rigorosamente a chiazze, le pavimentazioni romane!

In questi giorni infatti, sta divampando la polemica sull’assurda proposta del Comune di Roma, in particolare dell’assessore ai LL.PP. Maurizio Pucci di “fare cassa” mettendo in vendita i sanpietrini romani. Le sue affermazioni sono davvero di un’ignoranza disarmante:

"I sanpietrini hanno un mercato fiorente, sia italiano sia internazionale. Li daremo alle imprese, sono un valore"

 “Lo storico sampietrino, con tanto di targa e certificato di garanzia, è già presente in numerosi scaffali di alcuni negozi della Capitale e non solo. Con qualche decina di euro è possibile portarsi a casa un originale cubo in selce venduto come oggetto di design in versioni differenti, dalla lampada al salvadanaio. Il tutto con l’autorizzazione di Roma Capitale”.

"la sutura tra un sanpietrino e l'altro produce polvere che crea inquinamento, danneggia i monumenti".

 

Sorvolando sull’ignoranza della prima e della seconda affermazione, figlie della cultura del consumismo “usa e getta” e del feticismo sulla terza c’è da rimanere di sasso – è il caso di dirlo! è davvero una vergognosa menzogna quella che vedrebbe i materiali naturali e le tecniche tradizionali come veicolo d’inquinamento. Una vera vergogna sulla quale tornerò più avanti!

… Probabilmente, geloso dell’(in)successo del suo assessore, anche il sindaco Marino ha sentito l’esigenza di far sentire la sua “colta” opinione, fornendo notizie incorrette, se non addirittura manipolate, chiaramente miranti ad ottenere l’obiettivo previsto:

[…] Vogliamo mettere del catrame moderno, innovativo, miscelato con il pulviscolo di pneumatici usati, per avere maggiore aderenza, maggiore sicurezza per moto e motorini e una diminuzione significativa dell’inquinamento acustico”.

Ebbene, questi “signori” in Campidoglio, prima di manipolare le informazioni al fine di ottenere gli obiettivi che si sono prefissati, dovrebbero riflettere su molte cose e, soprattutto, cercare di essere più onesti ed obiettivi.

A Pucci – il quale afferma che “la sutura tra un sanpietrino e l'altro produce polvere che crea inquinamento, danneggia i monumenti” – verrebbe da chiedere una dimostrazione scientifica delle sue inqualificabili affermazioni. Soprattutto verrebbe da chiedere di dimostrarci la cosa mettendo a confronto i “suoi” dati sul presunto inquinamento prodotto dai sanpietrini con quelli che deriverebbero dalla proposta di Marino di utilizzare “catrame moderno, innovativo, miscelato con il pulviscolo di pneumatici usati”.

Per quanto è dato sapere, i blocchetti di leucitite o di basalto non sono soggetti ad abrasione, mentre l’asfalto lo è eccome! Inoltre, mentre i sanpietrini e la sabbia sono materiali naturali e non tossici, l’asfalto, il bitume, il catrame e il “pulviscolo di pneumatici usati” – sbandierato da Marino & co. – risultano altamente cancerogeni e mutageni!!

Gli effetti negativi sulla salute provocati dai fumi di asfalto infatti, come ricorda la “campagna informativa per la prevenzione dei tumori nei luoghi di lavoro” promossa dall’ISPESL sembrano per lo più legati alla “presenza degli IPA ed alle loro note proprietà mutagene e cancerogene; in particolare, gli analoghi solforati degli IPA potrebbero essere i composti maggiormente genotossici nei fumi di asfalto”.

A questo rischio cancerogeno, bisognerebbe aggiungere quello dell’asbestosi derivante dall’eventuale utilizzo del “pulviscolo di pneumatici usati” sbandierato da Marino!

È noto a tutti che nelle mescole degli pneumatici (almeno in passato) si è sempre usato l’amianto, tant’è che a febbraio 2012 una nota casa produttrice venne processata in quel di Torino. Ebbene, considerato ciò che accade con le ecomafie e gli speculatori dell’edilizia, non v’è alcuna garanzia che gli pneumatici da cui verrebbe prodotto quel “pulviscolo”, tanto amato da Marino, risultino esenti da tracce di asbesto e, comunque, le gomme utilizzate per gli pneumatici sono comunque altamente tossiche, sebbene per interessi delle multinazionali i dati vengano nascosti alla comunità!

Detto questo, vorrei altresì ricordare a lor signori in Campidoglio che, mentre un pavimento naturale risulta salutare al sottosuolo, e conseguentemente all’ambiente, l’asfalto, il catrame, il bitume, non lo sono affatto! Una delle ragioni del cambiamento climatico è anche l’eccessiva “pavimentazione” della crosta terrestre (cfr. https://www2.ucar.edu/atmosnews/news/4701/paved-surfaces-can-foster-build-polluted-air) per cui dovremmo tendere a rendere quanto più permeabili possibili le nostre città, già iper-cementificate, piuttosto che continuare a devastare l’ambiente!

A chi denunci la poca resistenza delle strade romane vorrei ricordare che, se ci sono cedimenti del manto stradale, essi non sono attribuibili solo al traffico di superficie ma, spesso, al cedimento delle antiche condotte fognarie le quali, oltre a non venir mai controllate e manutenute da parte del Comune – se non quando si verifichino grandi problemi – spesso risultano oggetto di danneggiamento da parte di chi faccia interventi alle reti elettriche, telefoniche e del gas, fregandosene bellamente della fragilità delle condotte “a cappuccina”, che caratterizzano una gran parte delle fogne “storiche”, così come delle radici degli alberi!

Anni fa, a seguito del cedimento in più punti di via Monterone, con una perizia suggerii che il danno era stato provocato dal cedimento della condotta fognaria … dopo molti tentennamenti e minacce di art. 700, visto che il dilavamento stava mettendo a serio rischio le fondamenta degli edifici, il Comune intervenne e dovette riconoscere che, in effetti, il problema derivasse proprio dal cedimento della condotta fognaria! … Con l’occasione ebbi modo di apprendere che nel territorio romano esistono numerosissime vecchie condotte” a cappuccina” che, sebbene ancora funzionanti (anche se piene di falle), non risultando mappate presso gli uffici competenti, vengono totalmente ignorate da chi le dovrebbe gestire!

 

Detto questo, vorrei fare un po’ di riflessioni ad alta voce.

Roma è stata il set cinematografico del film “La Grande Bellezza” premiato con l’Oscar; un film con una fotografia splendida (a mio avviso molto meglio del film in sé) che ritraeva Roma più bella di quanto non lo sia nella realtà! Quella fotografia, infatti, si è guardata molto bene dal ritrarre Roma per quello che è divenuta “grazie” a decenni di disinteresse per il bene e il bello condiviso!

Roma è la città che, a livello planetario, possiede la più alta concentrazione di beni patrimonio dell’umanità, tuttavia, forse a causa di questa abbondanza, è anche la città dove quel patrimonio risulta svilito dallo squallore del suo contorno, piuttosto che incorniciato opportunamente!

Roma è infatti la città che, specie negli ultimi 20 anni, è stata amministrata da una massa di cialtroni per i quali tutto è stato dato per scontato, incluso l’interesse dei turisti e il grado di soddisfazione dei cittadini e rispetto di questi ultimi per la cosa pubblica!

Nessuno degli ultimi amministratori infatti si è posto il problema del valorizzare realmente la città, i suoi monumenti e le sue tradizioni. Personaggi radical-chic come Rutelli, Veltroni e Marino, o squallidi individui come Alemanno, hanno preferito concentrarsi sulla inutile, ignorante e deleteria “modernizzazione” di Roma, piuttosto che sulla valorizzazione dei suoi beni, questi “signori” hanno preferito concentrarsi sulle privatizzazioni di beni e servizi, piuttosto che sulle municipalizzazioni e sul supporto all’economia e artigianato locali. In questa loro ignorantissima corsa al “moderno”, questi “signori” non si sono accorti che la Roma che interessa ai flussi turistici e quella rispettose dei suoi cittadini stava perendo.

Ecco quindi che Roma, la città che vanta il più alto numero di beni culturali, è anche la città che possiede le strade e i marciapiedi più schifosi del pianeta. E non mi riferisco solo all’inciviltà di chi lasci l’immondizia e le deiezioni canine per strada, ma anche e soprattutto al modo in cui strade e marciapiedi risultano pavimentati: un orrendo manto di asfalto pieno di rattoppi atti a ricordare l’immane numero di costosi, quanto inutili, interventi di manutenzione.

Per contro all’estero non c’è città mostri un abominio simile! Anche nelle periferie delle grandi città i marciapiedi vengono lastricati e/o mattonati, mentre le strade risultano spesso pavimentate con lastre di pietra di vario genere … il risultato che ne consegue è che, nonostante la penuria di beni patrimonio dell’umanità, passeggiare su quelle strade risulti più piacevole e sicuro (per scarpe e caviglie) che passeggiare per le strade di Roma, sicché accade che, nemmeno nelle aree periferiche, si incontrino cumuli di immondizia e cacche di cane … come mai???

La domanda è retorica, visto che sin dai primi anni del secolo scorso si era scientificamente dimostrato come l’estetica svolga un ruolo educativo a livello comportamentale degli individui.

Nel 1918 infatti, dopo che grazie all’opera del Comitato per il Miglioramento Economico e Morale di Testaccio ed alla conseguente realizzazione degli edifici di Magni e Pirani, erano cessate le violenze dei residenti verso gli edifici ed era drasticamente cambiata la qualità della vita nel quartiere, il Presidente dell’Istituto Romano Case Popolari, Malgadi, nel testo “Il nuovo gruppo di case al Testaccio” affermò:

«Parlare di arte in tema di case popolari può sembrare per lo meno esagerato; ma non si può certo negare l’utilità di cercare nella decorazione della casa popolare, sia pure con la semplicità imposta dalla ragione economica, il raggiungimento di un qualche effetto che la faccia apparire, anche agli occhi del modesto operaio, qualche cosa di diverso dalla vecchia ed opprimente casa che egli abitava […] Una casa popolare che, insieme ad una buona distribuzione degli appartamenti unisca un bello aspetto esteriore, è preferita ad un’altra […]e dove questo vi è si nota una maggior cura da parte degli inquilini nella buona tenuta del loro alloggio e in tutto ciò che è comune con gli alloggi del medesimo quartiere […] Una casa che piace si tiene con maggiore riguardo, ciò vuol dire che esercita anche una funzione educativa in chi la abita»

All’indomani di quel successo lo slogan dell’Istituto per le Case Popolari divenne “la casa sana ed educatrice!!

Perché non accorgersi allora che la stessa cosa possa valere per gli spazi comuni della città?

Come può quindi risultare accettabile che l’amministrazione Marino promuova – usando argomentazioni indegne – delle orrende pavimentazioni realizzate con materiali cancerogeni, piuttosto che proporre delle superfici esteticamente rispettose dei cittadini e dei monumenti che, grazie al loro aspetto, riuscirebbero perfino a stimolare il senso del rispetto della cosa pubblica in quei cittadini ignoranti che lasciano per terra i prodotti dei loro cani?

Un pavimento d’asfalto davanti ad un monumento e/o un bel palazzo è come una cornice di neon intorno alla Gioconda … ma mi sa che questa metafora possa risultare pericolosa se rivolta a degli ignorantissimi politici radical-chic sostenitori delle “contaminazioni” artistiche piuttosto che della tutela dei propri beni!

“Selciarolo” all’opera

 

Un’ultima menzione va fatta, ed è quella relativa al grido d’allarme dei «selciaroli», gli storici posatori di sanpietrini. Questi artigiani, ormai in via di estinzione, hanno lanciato una petizione per chiedere al Campidoglio l’apertura di un tavolo di discussione delle «problematiche e soluzioni legate alla pietra il cui nome viene fatto risalire al Cinquecento, quando venne utilizzata per la prima volta per la pavimentazione di piazza San Pietro». Secondo la Presidentessa dell’associazione, Ilaria Giacobbi, «invece di rimuovere i sampietrini bisognerebbe valorizzare il lavoro del posatore, che ormai sta scomparendo ed è un patrimonio indiscutibile della Capitale dal punto di vista artistico ed archeologico».

Commenti  

# Claudio Lanzi 2015-01-06 16:57
Stavo dicendo proprio l'altra sera all'amico prof.Mazzola che quest'articolo, con minore competenza urbanistica di lui...ma lo avrei voluto scrivere io. Quello che ormai mi deprime è l'ignoranza: l'ignoranza abissale, quella che non è più post-sessantottina (quella per così dire del "6 politico" con cui si promuovevano tutti). Ma è un ignoranza endemica, generalizzata composta di twit, di facebook, di mordi e fuggi, di informazioni rapide e superficiali su principi estetici, urbanistici, filosofici, ritmici, che sorreggono da secoli una civiltà. Il primo opinionista che si sveglia la mattina, affacciandosi in qualche rubrica post tg, discetta, anzi pontifica di nucleare senza sapere cosa è un neutrone, di fotovoltaico senza sapere nulla di semiconduttori, di pavimentazione stradale senza conoscere la chimica, di medicina d'avanguardia senza distinguere il fegato dalla tiroide, d'architettura senza sapere chi era Vitruvio, e ovviamente, nunc et semper, anche di religione pur essendo ateo.
Queste ondate di pensieri spazzatura che "asfaltano" le città, che "arredano" gli spazi urbani (ma chi l'ha inventata quest'espressione demenziale?); che sconvolgono le piazze con statue abominevoli o con installazioni possibili solo se gravemente malati di epilessia; che pianificano circolazioni automobilistiche assurde che intasano il centro (e poi lo chiudono così, a caso quando capita), ci stanno sommergendo. Uno tsunami inarrestabile di pressapochismo, dove si ostentano facce ecologiche, sorrisi ecologici, riflessioni ecologiche e, nello stesso tempo, si stuprano le bellissime città italiane con il disprezzo per l'immenso patrimonio artistico che le contraddistingue, si coprono la Puglia e la Sardegna di pale eoliche e di pannelli solari sradicando ulivi secolari; il tutto per produrre energia sufficiente ad accendere un po' di lampadine nella città più vicina, inquinando l'ambiente con rifiuti, questi si, difficilmente riciclabili. E così via per migliaia d'interventi ai confini tra il banditesco e l'idiota.
Beh: questa dei sanpietrini è veramente folle!
Ma io dico: CON TUTTI I CAVOLI che hanno nella giunta capitolina per eliminare gli intrallazzatori comunali, che stanno in alto e nelle stanze dei bottoni, hanno deciso di prendersela proprio con i sanpietrini, che stanno in basso, e sotto i piedi di tutti?
# ettore maria mazzola 2015-01-07 09:48
spero che questo mio messaggio arrivi in Campidoglio!

Ciao
Ettore
# Claudio Lanzi 2015-01-07 12:58
Riceviamo dal prof. Mazzola e pubblichiamo

Caro Claudio
come si usa scrivere nei verbali peritali al termine dei sopralluoghi, al tuo commento aggiungo L.C.S. (Letto, confermato e sottoscritto)!!

Ettore

Fai il LOGIN o REGISTRATI per inserire commenti