Cerca nel sito

Prossimi Eventi

poliedro attivita

Registrazione Newsletter

altIl 12 Gennaio 2014 si è tenuto un bellissimo concerto del M° Franco Todde sul tema in oggetto.

Pur avendo preparato una presentazione articolata sulla musica “popolare” dell’800 e una analisi delle ascendenze sentimentali e filosofiche di alcune celebri “canzoni” romane e napoletane, durante il concerto ho ritenuto assai preferibile lasciare alla voce e alla chitarra di Franco la descrizione di quanto abbiamo fatto. Ciò che sono in grado di esprimere la musica e la voce attraverso il canto non saranno mai riassumibili in una conferenza.

Per tale ragione quello che segue è una semplice elaborazione degli appunti di Todde, integrate solo da alcune osservazioni che aiutino ad accogliere il prossimo CD sulle canzoni d'amore napoletane che Simmetria si prepara a produrre. Nella particolare anticipazione del 12 Gennaio, Franco ci ha offerto delle rielaborazioni e interpretazioni personali che definire “coinvolgenti” è assai restrittivo. C’è da notare che anche gli sviluppi musicali per sola chitarra di melodie apparentemente semplici, soprattutto nella ritmica particolare delle villanelle o dei saltarelli, hanno offerto nella complessità d’esecuzione, una piacevolezza straordinaria d'ascolto.

Questa è stata la successione delle canzoni, una parte delle quali ci auguriamo di rendere disponibili quanto prima nel prossimo CD. 

Anonimo (XIX Secolo): Sonetto(strumentale)

Trascrizione personale di una melodia popolare romana: Bella quanno te fece mamma tua

Anonimo(XVIII - XIX Secolo): A la Renella(voce e chitarra)

E’ una canzone antica ed anonima: viene considerata parte integrante della storia di Roma prima dell'innalzamento dei muraglioni sulle sponde del Tevere alla fine dell’Ottocento. Quindi è un canto sette o addirittura seicentesco. Renella deriva da arenella,  la sabbia fluviale che, depositata dal Tevere, formava in un certo punto della sponda del fiume un arenile nei periodi di magra.

A la Renella                                   
piu cresce er fiume e più legna vie' a galla:
più t'arimiro e più me pari bella!           

Fior de mortella,
leggo l'amore tuo nella pupilla,
l'amore vero che nun se cancella!         

Fior de granato,
la vigna nun po' sta' senza canneto,
come la donna senza innamorato!            

Fior de verbena,
ar monno nun c'è rosa senza spina,
ne' core innamorato che nun pena!


Anonimo (XVI Secolo): Villanella ch’all’acqua vaje(strumentale)

In tutte le antiche taverne napoletane si faceva musica e si cantava, sempre, con i mitici posteggiatori. Villanella ch’all’acqua vai è una famosa villanella che si canta ancora, brevissima ma tra le più belle e godibili. Di origine contadina, è stata sempre considerata di ignoto ma in seguito ad una recente scoperta, viene attribuita a Giovanni Leonardo Mollica (in una raccolta del1570) conosciuto anche come Gian Leonardo dell’arpa, autore di villanelle e posteggiatore famoso, molto ricercato non solo nelle trattorie ma anche nelle case aristocratiche perché suonava molto bene l’arpa, come testimonia il nome.

Ernesto Del Preite -Pietro Labriola (1820 – 1900): Lo cardillo (voce e chitarra)

La canzone Lo Cardillo tratta dell’amore senza speranza di un innamorato che per comunicare con l‘amata, ricorre ad un cardellino, l’uccellino simbolico della cultura napoletana, che lo considera messaggero d’amore e ci ricorda tante altre poesie d’amore con tale soggetta a partire dal famosissimo passero di Lesbia di Catullo (Passer, deliciae meae puellae, quicum ludere, quem in sinu tenere…). La storiografia della canzone è difficile per notizie scarse e perfino contrastanti. Esiste, forse, l’originale di fine ‘600/inizio ‘700, oppure solo la trascrizione di Pietro Labriola (1820-1900) per la musica e di Ernesto Preite (o Del Preite) per il testo, del 1848 o 1878, dati contrastanti ricavati dalle uniche fonti reperite. La simbologia erotica della canzone è assai esplicita e ricorda addirittura delle poesie trovadoriche dove ciò che viene svelato è assai più di ciò che viene nascosto.

Sto crescenno nu bello cardillo                                          
Quanta cose che l'aggio 'mpara'
Adda ire da chisto e da chillo
l'immasciate po' m'adda purta'
Siente cca' bello mio lloco 'nnanze
c'e' na casa 'na nenna 'nc'e' stà
tu la vide ca nun è distante
chella nenna aje da ire a truvà.

 Si la truove ca stace durmenno
pe' 'na fata gue' nun 'a piglia'
nu rummore nun fa cu li penne
guè cardì tu l'avissa scetà?
Si affacciata po' stà a lu barcone
Pe' na rosa l'avisssa piglià?
Gue' cardi' vi' ca lla' nun te stuone
Va vattenne cardi' n'addurà.

 Si la truove che face l'ammore
'stu curtiello annascunnete cca'
'nficcancillo deritto allu core
e lu sango tu m'aje da purtà.
Ma si pensa vattè chianu chianu
Zitto zitto te nce l'aje accustà.
Si afferrà po' te vo' co' la mano
priesto 'mpietto tu l'aje da zumpa'.

Si te vasa o t'afferra cianciosa
tanno tu l'aje a dire accussiì:
"lu patrone pe' te nun reposa
puveriello pecchè adda murì."
T'accarezza te vasa ah… viato
chiu' de me tu si certo cardi'
Si cu' tico cagnarme m'è dato
doppo voglio davvero muri'.

Anonimo (XVIII – XIX Secolo): Tarantella della bellona (strumentale)

La tarantella a Roma era un componimento popolare di forma rude e di natura estemporanea a rime baciate che si cantava e si declamava nell’ottocento per le strade e per le osterie. Di solito si iniziava con i versi: Tarantella de li dei, ascortateme amici miei - e si svolgeva sui più disparati argomenti.

Su questo "incipit" si potrebbero fare almeno due considerazioni. La prima è relativa al fatto che la "taranta" e le tarantelle, dal meridione fino a Roma, traggono una ovvia ispirazione dai balli e dai canti terapeutico-shamanici collegati a culti di tipo magico, parzialmente innestati nelle pratiche dionisiache (assai comuni fino ai tempi di Costantino e segretamente anche oltre). Il ritmo, particolarmente frenetico e quasi ossessivo si ripete in forme articolate in cui il tamburo con le relative sonagliere sorregge sia il movimento che i passi dei partecipanti...fino allo sfinimento. La seconda, che avalla la prima, è proprio quella frase "Tarantella de li dei". dei? quali dei? forse quelli antichi, che proteggevano e partecipavano a tale liturgia collettiva. 

Nino Ilari (1862 – 1936) - Antonio Guida: Affaccete ‘Nunziata (voce e chitarra)

Fu presentata al concorso di San Giovanni nel 1893 con il titolo originario “Affaccete”; non vinse, ma il pubblico decretò il suo straordinario successo specialmente dopo che entrò a far parte del repertorio di Lina Cavalieri e di Ettore Petrolini.

Con la festa di San Giovanni del 1891 che nacque la “moderna” canzone romana. La festa di San Giovanni, che si svolgeva in onore di San Giovanni Battista, era per i romani una festa di grande importanza. Nell’ambito dei festeggiamenti previsti nel 1891, l’editore Pietro Cristiano, decise di promuovere un concorso di canzoni romane da tenersi nella notte tra il 23 e il 24 giugno in una osteria appena fuori Porta San Giovanni, gestita dall’oste Facciafresca.

Affaccete Nunzia’ core adorato
Che sta nottata invita a fa’ l’amore
Er celo è tutto quanto mbrillantato
La luna manna a sfascio lo sprennore
E tira un venticellodorce dorce
Che fa tremà le foje adagio adagio
E quanno ammalapena che le storce
pe’ faje appiccicà tra loro un bacio

Affaccete Nunziata
Boccuccia de cerasa
Fravola inzuccherata
Fatte vedè lassù
Però ce manchi tu ‘nde sta nottata
Ce manca la bellezza de quer viso
Quanno t’affacci tu che sei ‘na fata
Sto monno se trasforma in paradiso
Quanno t’affacci te tutte le stelle
Perdeno de bellezza e de chiarore,
perché tu sei la bella fra le stelle
che poi compete co’ qualsiasi fiore

Affaccete Nunziata
Boccuccia de cerasa
Fravola inzuccherata
Fatte vedé lassù

Anonimo (XIII): Ritornello delle lavandare del Vomero (strumentale)

Il Ritornello delle lavandaie del Vomero è un antico canto d'amore di autore anonimo, della prima metà del 1200 identificato poi forse come canto di protesta contro la dominazione aragonese. 

Vincenzo Russo(1876 – 1904) - Eduardo Di Capua (1865 – 1917): I te vurria vasà!(voce e chitarra)

Questa canzone non è commentabile perché, a nostro avviso, sia per la straordinaria linea melodica che per la concordanza con il testo, lascia tuttora allibiti per la profondità e la delicatezza emotiva. Il contrasto fra la donna addormentata e il desiderio struggente dell’amante contrassegna moltissimi racconti d’amore. La contemplazione della bellezza indifesa e nello stesso tempo il bisogno di proteggere e di dissolversi nell’abbraccio dell’amata. Celebri, a questo proposito sono molte canzoni dei trovieri. Il confine fra la bellezza e la …sapienza è assai labile e anche in un epoca romantica come quella prima del ‘900, determinate tracce profumate e assai sottili, sono rimaste, ovviamente per chi ancora le sa intendere.

Ah! Che bell'aria fresca...
Ch'addore 'e malvarosa...
E tu durmenno staje,
'ncopp'a sti ffronne 'e rosa!
'O sole, a poco a poco,
pe' stu ciardino sponta...
'o viento passa e vasa
stu ricciulillo 'nfronte!
I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mmo ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...
…………
…………

Sento stu core tujo
ca sbatte comm'a ll'onne!
Durmenno, angelo mio,
chisà tu a chi te suonne...
'A gelusia turmenta
stu core mio malato:
Te suonne a me?...Dimméllo!
O pure suonne a n'ato?

I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mmo ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...

Anonimo (XV): Saltarello (strumentale)

Tratto da un tema quattrocentesco e armonizzato da Mario Gangi 

Romolo Leonardi - Amerigo Marino: Nina se voi dormite (voce e chitarra)

Classico della canzone popolare romanesca, vincitrice del concorso canoro di San Giovanni nel 1901;  sicuramente è ancora oggi una serenata espressione della migliore tradizione romana.

Abbiamo parlato un poco delle serenate. Questa nobile abitudine densa di significati sottili, di bellezza, di potenza trasformativa sia per colui che la canta che per colei che l’ascolta. Le serenate un tempo animavano le sere di primavera e d’autunno e introducevano il soffio dell’eros gentile e raffinato, tra le fessure delle persiane socchiuse, da cui gli occhi delle dame, si, una volta si chiamavano così, guardavano i loro amanti. E nei sospiri si sviluppava quella sottile e romantica vena d’amore, d’intesa, di sottintesi mai volgari, in cui tutto era permeato di malinconia e di delicatezza. Il grande Cyrano cantava “serenate”, o meglio le suggeriva al suo amico. I grandi poeti medievali, i Trovadori cantavano serenate e così per lunghi secoli. Ma nel frastuono attuale che cosa vogliamo che “Nina” possa mai sentire? E’ già un miracolo che riesca a dormire.

'Nde 'sta serata piena de dorcezza
pare che nun esisteno dolori.
Un venticello come 'na carezza
smove le piante e fa' bacia li fiori.

Nina, si voi dormite,
sognate che ve bacio,
ch'io v'addorcisco er sogno
cantanno adacio, adacio.
L'odore de li fiori che se confonne,
cor canto mio se sperde fra le fronne.
 
Pero, si co' 'sto canto, io v'ho svejato,
m'aricommanno che me perdonate.
L'amore nun se frena, o Nina, amate,
che a vole' bene, no, nun e peccato.

Nina, si voi dormite,
sognate che ve bacio,
ch'io v'addorcisco er sogno
cantanno adacio, adacio.
L'odore de li fiori che se confonne,
cor canto mio se sperde fra le fronne.

Saverio Mercadante (1795 – 1870): La rosa (strumentale)

Direttore del conservatorio di Napoli, compose moltissima musica d'ogni genere. Quale operista Mercadante fu uno dei più celebri italiani del suo tempo. La rosa ricorda le infinite rose che in tutto il simbolismo floreale della poesia europea hanno contrassegnato la Via dell’Amore e della conoscenza.

Vincenzo Russo - Eduardo Di Capua: Maria, Mari! (voce e chitarra)

E’ un classico in linea con la melodia ottocentesca, conosciutissimo e passionale. La voce di Franco Todde l’ha interpretato in una maniera talmente intensa da suscitare una vera e propria “standing ovation” nella nostra piccola sede.

Ne è valsa la pena.

Arápete fenesta!

Famme affacciá a Maria,
ca stóngo 'mmiez'â via...
speruto da vedé...

Nun trovo n'ora 'e pace:
'a notte 'a faccio juorno,
sempe pe' stá ccá attuorno,
speranno 'e ce parlá!

Oje Marí, oje Marí,
quanta suonno ca perdo pe' te!
Famme addurmí,
abbracciato nu poco cu te!
Oje Marí, oje Marí!
Quanta suonno ca perdo pe' te!
Famme addurmí...
oje Marí, oje Marí!

'Mmiez'a stu ciardeniello,
ce ride 'a malvarosa...
Nu lietto 'e fronne 'e rosa
aggio fatto pe' te...

Viene che 'a notte è doce,
'o cielo ch'è nu manto...
Tu duorme e io te canto
'a nonna a fianco a te...

Oje Marí, oje Marí, ...........
Pare che giá s'arape
na sénga 'e fenestella...
Maria cu 'a manella,
nu segno a me mme fa!

Sòna chitarra mia!
Maria s'è scetata!...
Na scicca serenata,
facímmole sentí:

Oje Marí, oje Marí,

Fai il LOGIN o REGISTRATI per inserire commenti