Cerca nel sito

Prossimi Eventi

poliedro attivita

Registrazione Newsletter

Armonices Mundi, e una complessa liturgia geometrica, ideata da Claudio Lanzi e rappresentata per la prima volta a Crotone il 2 Agosto del 2015 nel Teatro del Parco Archeologico di Capo Colonna nell’ambito di un festival pitagorico organizzato da Nicola Zurlo e Giovanni Arone.

Guarda filmato introduttivo sul Canale YouTube

altQuesto lavoro ha origine da una ricerca quarantennale  sulla geometria arcaica, sulla musica, sulla danza e la gestualità sacra; è una sintesi essenziale, totalmente priva di dialoghi convenzionali, della progressione ascetica ascrivibile al simbolismo euritmico e geometrico della scuola crotoniate. Simbolismo geometrico, ripetiamo, quindi senza alcuna forzatura nel proporre ritualità iniziatiche proprie di confraternite più o meno arcaiche ma prive di credibilità filologica.

L’intera opera si basa esclusivamente sul suono, sui colori, sugli aromi e sul movimento.

Una importanza fondamentale nella stesura scenica hanno avuto i testi presocratici riferibili all’orfismo, quelli dei tardo pitagorici (primi fra tutti Proclo e Giamblico fino a Plutarco). Ma un contributo fondamentale appartiene agli studi rinascimentali di geometria sacra ed in particolare ai lavori di Pico della Mirandola, di Ficino, di Pacioli, e poi a quelli più recenti di Kepler, di Newton, di Ghika, di Graziotti. Altrettanto importante, per la sequenza dei movimenti e dei percorsi pavimentali, sono gli studi sulle regole liturgiche delle confraternite medievali e sui sapientissimi mosaici cosmateschi.

I sei personaggi principali che appaiono in scena (Adepto, Voce, Sapienza, Possibilità, Architetto, Musica) rappresentano sei aspetti dell’Uomo alla ricerca di se, del suo scopo, e del suo posto nella rete dell’Universo. Ognuno di questi personaggi riproponendo una vera e propria cosmogonia dell’anima, contribuirà all’incontro con la Verità e alla uscita dal labirinto e dal sonno della Mente. La geometria della Danza costituirà il veicolo filosofico finale per l’unione di Adepto e Sapienza.

 

altLe musiche sono di Adriano Lanzi, la Voce solista è di Ginevra Schiassi, le coreografie e i costumi sono di Assunta Fanuli, l’assistenza alla regia è di Nives Vedruccio,. All’Opera ha collaborato Biagio di Carlo per la costruzione dei poliedri. Il coro nella prima rappresentazione era composto da Diego Lombardi, Alessandra Quaglia, Karl Jelinek e Guido Mattei.

 

Sintesi semplificata dell’opera

I quattro Elementi formatori dell'universo (platonico-pitagorico) attraverso l’azione demiurgica manifestano, con il suono archetipale delle buccine, la loro azione iniziale e sviluppano la Forma primigenia nel Teatro Cosmico (rappresentato dal sito stesso dove avviene la manifestazione). Adepto, immobile, ascolta i suoni primordiali e la formazione del Cosmo generati da Musica.  Tale atto creativo si sovrappone alla particolare “maieutica” che la scienza pitagorica opera sulla coscienza dell’Adepto.

Un Architetto rinascimentale recepisce da tali suoni il senso delle proporzioni e da ciò ricava l’archetipo di una cupola geodetica  (Forma astratta del cosmo ricavata dagli elementi formatori) secondo i dettami della scuola pitagorica. Infine, guidato da Musica, completa comprende la definizione dello spazio e del tempo e si impossessa perciò della magica clessidra di Chronos (il tempo prima del tempo).

All'interno della Forma poliedrica è racchiusa Voce, il logos, la bellezza agente della creazione.

Architetto lascia un varco perché Voce possa essere libera di uscire ed entrare nella forma e nella coscienza di Adepto.

altVoce conferisce ad Adepto il manto delle stelle e lo indirizza verso la su Sapienza, ancora Dormiente.

Adepto nizia ad indagare nella natura delle cose attraverso la geometria e il gesto.

Il coro dei 4 elementi forma il templum (lo spazio sacro) entro il quale si svolgerà l'OPERA.

Possibilità ruba ad Architetto la Clessidra e, da quel momento, determina, tramite la perfezione geometrica, lo scioglimento e la coagulazione delle Forze metalliche e saline (e ciò comporta l'entrata e l'uscita dal tempo e dallo spazio ordinari): questa cosa si ripete al termine di tutte le scene principali.

Sapienza si sveglia progressivamente e chiede la Salute e la Salvezza dell’Universo e di Adepto, con la sua doppia posizione ad Y (orizzontale e verticale). Poi danza con il Mantello (il Fuoco) e sveglia se stessa e Adepto.

Adeptole va incontro senza conoscerla, guidato da Voce e incontra il ritmo aureo lanciato da Musica.

Sapienza esegue la Danza dei Vasi (gioca e da vita ai due elementi principali per preparare l'Elisir della Vita); disegna danzando sulla terra il divino Pentalfa nel quale si compie il rito eterno, e Possibilità ne ripete lo schema nella trama del cosmo, accompagnata da Tamburo.

Voce, liberata, canta fuori del Poliedro

Adeptoe Sapienza eseguono la Danza intorno alla porta Magica attraverso le divine terne pitagoriche, e si scoprono nella nudità di quello che sono.

Adepto e Sapienza attraversano la Porta Magica, e si stupiscono di se stessi per mezzo di Musica e Voce

Possibilità apre la porta del Tempo.

Adepto e Sapienza si uniscono passando attraverso la Porta.

Sapienza scioglie quanto è rimasto di superfluo attraverso il vortice dionisiaco

Sapienzae Adepto sono liberi e si fondono diventando Res Bina.

 

altL’asciuttezza della matematica e del ritmo, base eterogenea dei rituali di ogni struttura filosofico-religiosa, si rivolge al  mondo delle proporzioni e della geometria sacra. Senza entrare nel merito di riti specifici improponibili, vengono puntualmente ricordate le virtù che scarseggiano in questo mondo consumista e frettoloso: la tensione e l’impegno necessari per perseguire una autentica Via, e il particolarissimo e arcaico rapporto armonico che deve generarsi fra l’Umiltà e il Silenzio necessario per apprendere. Simmetria è a disposizione per approfondire, con chiunque sia realmente interessato, i significati, la teoria e la pratica di quanto reso parzialmente visibile in un contesto teatrale.

 

altIdeazione, progetto e successione liturgica di Claudio Lanzi

Musiche, di sintesi e dal vivo di Adriano Lanzi

Coreografie e costumi di Assunta Fanuli

Coordinamento e assistenza alla regia di Nives Vedruccio

Costruzioni geodetiche in sala di Biagio di Carlo

 

Partecipanti (nella versione di Crotone):

Il Coro degli Elementi primordiali: Karl Jelinek, Alessandra Quaglia, Diego Lombardi, Guido Mattei

Costruttore e Architetto: Biagio di Carlo

Adepto: Claudio Lanzi

Sapienza: Assunta Fanuli

Voce e flauto: Ginevra Schiassi

Musica: Adriano Lanzi

Possibilità: Nives Vedruccio        

altTesti base di Riferimento: I Versi Aurei di Pitagora, Le lamine orfiche, Le nozze di Mercurio e Filologia di Marziano Capella, La Teologia del Numero di Proclo, La Summa Pitagorica di Giamblico, Il commento al Somnium Scipionis di Macrobio, Il Timeo di Platone, Frammenti vari dell’Archita, Ritmi e Riti di Claudio Lanzi, Polyhedra di Adriano Graziotti, Hermetica Geometria di Adriano Graziotti, Misteri e Simboli della Croce di Claudio Lanzi, la Filokalia AA.VV,

I Gioielli Pitagorici  indossati dai partecipanti sono di Fabrizio Giannone.

Il poliedro costruito in scena è ideato e realizzato da Biagio di Carlo

I libri presenti durante la manifestazione sono delle Edizioni Simmetria

 

Armonices Mundi è in deposito Siae ed è coperta da copyright.

L’opera non è riproponibile né pubblicabile parzialmente o integralmente se non dietro consenso scritto degli autori.

 

 

La sequenza completa e il significato dei singoli quadri è reperibile nel libretto Armonices Mundi che può essere richiesto a Simmetria.

Fai il LOGIN o REGISTRATI per inserire commenti